Cosa fa il tool

Calcolo dell’importo spettante del contributo a fondo perduto per le imprese, previsto dal nuovo Decreto Ristori BIS, e verifica dei requisiti di accesso.

Dettagli prodotto

Foglio di calcolo in excel che consente di determinare l’importo erogabile del contributo a fondo perduto per le imprese, previsto dal recente Decreto Ristori BIS (DL 149/2020 del 9 novembre 2020) e verifica dei requisiti di accesso.

A seguito della chiusura di alcune attività economiche per il contenimento della diffusione dell’epidemia Covid-19, è stato previsto un ulteriore contributo a fondo perduto di ammontare più rilevante.

Il presente file Excel consente di verificare i requisiti di accesso al contributo e di determinare l’importo spettante.

Viene riproposto il contributo a fondo perduto, già sperimentato con il “Decreto Rilancio” ma rivolto questa volta ad una platea di soggetti ben mirata: i beneficiari sono infatti coloro che svolgono in via prevalente una delle attività incluse nella tabella allegata al Decreto (trattasi delle attività maggiormente interessate dalle nuove misure restrittive, quali ad esempio taxi, alberghi, ristoranti, bar, cinema, teatri, piscine e palestre, ecc.); per tali soggetti, il contributo spetta a condizione che il fatturato di aprile 2020 si sia ridotto di oltre un terzo rispetto al fatturato di aprile 2019 nonché, indipendentemente dal calo di fatturato, se l’apertura della partita iva è successiva al 01 gennaio 2019.

  • Per i soggetti che hanno già beneficiato del contributo previsto dal “Decreto Rilancio” il nuovo contributo verrà automaticamente accreditato dall’agenzia entrate sul conto corrente sul quale è stato accreditato il precedente contributo e l’ammontare spettante verrà determinato applicando una percentuale, variabile dal 100% al 400% a seconda dell’attività esercitata, al contributo precedentemente erogato.
  • Coloro che invece non hanno usufruito del precedente contributo, dovranno presentare apposita istanza per poter accedere al contributo previsto dal “Decreto Ristori”, e l’ammontare spettante sarà determinato applicando la percentuale variabile di cui sopra al valore calcolato in base ai dati presentati nell’stanza.

Rispetto al precedente Decreto Ristori, si prevede una maggiorazione del 50% del contributo per alcune attività situate nelle zone caratterizzate da uno scenario di elevata gravità o massima gravità e da un livello di rischio alto. Inoltre, sono state aggiunte alcune attività, prevalentemente commerciali, a cui spetta il contributo solo se con domicilio fiscale o sede operativa nelle aree del territorio caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto.

Autore: Alessandro Pegoraro Sistemassociati


€ ACQUISTALO SU FISCOETASSE.COM

Se sei nostro cliente hai diritto al tool gratuitamente.
Richiedilo su info@sistemassociati.it

Dal nostro blog

Ogni mese trattiamo temi diversi, dai un occhio.